Disturbi d’ansia

L’ansia è uno stato di preoccupazione, tensione, agitazione.

Rappresenta un segnale che mette in guardia l’individuo rispetto a una situazione pericolosa.

Se da un lato, l’ansia dà la possibilità di reagire con modalità che possono evitare il pericolo, dall’altro – se eccessiva – diventa un disturbo che fa sentire la persona paralizzata, compromettendo la sua efficienza nel lavoro, la serenità nei rapporti interpersonali, la fiducia in sé e il senso di autoefficacia.

Come si manifesta?
Si manifesta nel corpo con l’accelerazione del battito cardiaco, alterazione del respiro, sudorazione profusa, disturbi gastrointestinali, rigidità e contratture, vertigini, debolezza, sensazione di nodo alla gola…

Compromette il sonno e l’umore, causa irritabilità, confusione, senso di impotenza.

Cosa la provoca?
Può essere provocata dal percepirsi inadeguati, goffi, deboli o impotenti in una specifica situazione sociale – come riunioni di lavoro, competizioni sportive, esami, ma anche feste e ritrovi conviviali – o in un compito difficile da portare a termine, oppure – quando tutto sembra poco chiaro e controllabile – in ogni momento della vita della persona.
Come gestire l'ansia?
Esistono due strade molto diverse:

Un percorso psicologico aiuta a ridimensionare l’ansia e ad affrontare le preoccupazioni in maniera più lucida e solida, scoprendone e risolvendone le cause.

Il Training Autogeno di I.H. Schultz può essere utile per affrontare i sintomi dell’ansia che si manifestano nel corpo e nella mente.